Donaci il tuo 5 per mille

firmando nella casella “Sostegno del volontariato...”

ed inserendo il Codice Fiscale della Vitersport

90074730566

BANDO SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

COMUNICAZIONE IMPORTANTE!

Questa è l'opportunità, per 3 ragazzi, di svolgere, per un anno, il Servizio Civile Nazionale presso la ViterSport!

Ecco il link dove poter presentare la domanda:

http://www.volontariato.lazio.it/serviziocivilecesv/default.asp

Qui troverai tutte le informazioni e gli allegati necessari per candidarsi al progetto; scorrendo la pagina cerca, su Viterbo, la voce "PROGETTO Attività Sportiva Paralimpica - We Want You", dove troverai le informazioni relative al NOSTRO PROGETTO!!!

Si cercano 3 ragazzi
- di età compresa tra i 18 e i 28 anni non superati;
- cittadini italiani;
- cittadini degli altri Paesi dell'Unione europea;
- cittadini non comunitari regolarmente soggiornanti.

TAPPA DOPO TAPPA CON L'HANDBIKE, PER RIACQUISTARE SICUREZZA E VOGLIA DI ESSERCI


Progetto realizzato grazie al contributo
 “Otto per mille” della Tavola Valdese

Abbiamo avviato il progetto il 10 agosto 2016, con una iniziativa promozionale a Capodimonte (VT). Il secondo impegno significativo è stato la collaborazione per l'organizzazione della Tappa Finale del Campionato Italiano di Handbike, che si è svolta a Montalto di Castro, il 6 novembre 2016. Riconosciamo a questi eventi, che pure hanno una portata agonistica di tutto rilievo ed ormai diffusamente riconosciuta, soprattutto un'alta valenza promozionale, per il coinvolgimento che suscitano negli atleti e nel pubblico, in particolare nei potenziali atleti. E così è stato. Proprio dagli eventi suddetti è scaturito l'interesse di due nuovi atleti, entrambi giovani, entrambi tetraplegici. L'obiettivo del nostro progetto, quello di offrire un'occasione per riacquistare, TAPPA DOPO TAPPA, voglia di esserci, possiamo dire che è stato raggiunto. Ma non lo sarà mai completamente, perché siamo convinti che l'impegno deve rimanere in quanto il messaggio solo così può arrivare a tanti altri ragazzi e ragazze con disabilità. Di pari passo è continuata l'attività di allenamento su strada, con il tutoraggio degli atleti più esperti nei confronti dei nuovi. Nella stagione invernale ha subito un normale rallentamento, ed è stata sostituita parzialmente con gli allenamenti in sede, con il supporto di rulli simulatori e magneticdays. In primavera abbiamo ripreso, utilizzando vecchie handbike in dotazione all'associazione. Nel frattempo abbiamo ordinato la nuova handbike che ci è stata consegnata il 10 aprile e da allora gira l'Italia con il logo OPM. Ha permesso di svolgere l'attività ad un livello più qualificato e stimolante. E' seguita la stagione delle competizioni, alcune per tutti, altre solo per i più esperti. Comunque siamo sulla strada giusta: di handbike si deve parlare e l'handbike si deve vedere e provare, affinché dalla visibilità e dall'esperienza, diretta o vicaria, scaturisca la voglia di fare attivamente sport.